Notizie e aggiornamenti

sul mondo della nostra organizzazione

Dove la scuola toglie dalla strada

La scorsa settimana il noto quotidiano pakistano Dawn ha raccontato un’emozionante storia (leggi qui) che si aggiunge alle innumerevoli testimonianze del successo e dell’impatto positivo delle scuole di The Citizens Foundation.

Questa volta il protagonista è un ragazzo di 12 anni, Ahmed Khalil, nato e vissuto a Gambat, una cittadina a 500 km da Karachi. A 8 anni Ahmed ha iniziato a frequentare il Campus Behran Rustomji, costruito e gestito da TCF. La zona in cui si trova questo campus è estremamente povera, tanto che il 95% degli abitanti é costretto a guadagnarsi da vivere mendicando. Così anche Ahmed e la sua famiglia. Eppure, se prima passava le giornate rassegnato a chiedere l’elemosina per racimolare qualche dollaro per comprare cibo per sé e la sua famiglia, Ahmed ora è uno dei più brillanti studenti della sua classe.

© Photo by Mustafa Ilyas

L’esempio di Ahmed rappresenta la concreta opportunità che le scuole di TCF offrono: anche chi si trova nelle aree più svantaggiate e dimenticate del Pakistan può accedere ad un’istruzione di qualità, aspirare a un futuro migliore e uscire dalla trappola della povertà. Ahmed, dopo aver completato il suo quarto anno, ha lavorato per una compagnia telefonica. Quest’esperienza gli ha infuso l’ispirazione a proseguire gli studi per diventare un ingegnere meccanico. Ora il sogno di Ahmed e di molti ragazzi come lui è di studiare, specializzarsi e ottenere un buon lavoro che permetta a loro e alle loro famiglie di guadagnarsi da vivere e di non dover più elemosinare per sopravvivere.

© Photo by Mustafa Ilyas

Una storia davvero significativa che racconta non solo la personale e singola vittoria di un ragazzo, ma anche il crescente successo di TCF nella sua sfida all’analfabetismo, alla povertà e all’ineguaglianza.

 © Photo by Mustafa Ilyas

A cura di Margherita di Clemente