Notizie e aggiornamenti

sul mondo della nostra organizzazione

Una straordinaria forza di volontà: la storia di Shaheen

“Che c’è da imparare a scuola? La maggior parte delle ragazze della tua età sono già sposate. Invece di stare sui libri dovresti imparare ad occuparti delle faccende domestiche”.


Durante tutta l’infanzia Shaheen si è sentita rivolgere commenti offensivi da parte dei famigliari e della sua comunità.

Quando aveva soltanto 10 anni i genitori hanno organizzato il suo fidanzamento (Nikkah).

Tutto ciò non è insolito a Jhangesar, piccolo villaggio di pescatori sul delta dell’Indo, dove le spose bambine sono la normalità.

Poco tempo dopo, nel villaggio alcune persone hanno iniziato a insistere perché suo padre, un pescatore, fissasse la data del matrimonio, in modo che Shaheen potesse andare ad abitare con la sua nuova famiglia.

All’inizio di ogni anno scolastico la ragazzina si sentiva dire che quello per lei sarebbe stato l’ultimo. E sarebbe andata davvero così, se Shaheen non si fosse ostinatamente rifiutata di rinunciare al suo diritto di imparare e Farzana, la preside della scuola di TCF frequentata dalla ragazza, non fosse riuscita ogni volta a convincere i genitori di Shaheen a lasciarla studiare ancora per un po’.

Per i genitori è difficile accettare che le proprie figlie continuino ad andare a scuola: cedono alle pressioni della società perché si preoccupano di cosa dirà la comunità

afferma Farzana, preside della scuola dal 2004.

È grazie al supporto costante di Farzana che Shaheen ha avuto la forza di non cedere nonostante tutto. Dopo aver superato gli esami a pieni voti ha iniziato a prepararsi per l’ammissione all’università.

Oggi Shaheen insegna nella stessa scuola dove lei stessa ha studiato e aiuta altre ragazze, esattamente come la sua preside aveva fatto con lei.

Shaheen e il suo fidanzato si sono sposati e vivono insieme. Suo marito, anche lui un diplomato di TCF, sta dalla sua parte e la sostiene nel suo desiderio di seguire le proprie aspirazioni.

La mia lotta non riguarda solo me, ma tutte le ragazze nella mia comunità, che hanno diritto a imparare e a realizzare i propri sogni.